IMG_2494pic
L’esperienza maturata nel campo della chiarificazione e disidratazione ha portato la Tecnoimpianti Engineering S.r.l. a proporre alla sua clientela una linea completa di impianti per la preparazione di soluzione di polielettrolita. Per meglio soddisfare le esigenze dei vari impianti la gamma prevede sia la linea semiautomatica CPM che la serie completamente automatica CPA.
La serie economica CPM si colloca nei piccoli impianti dove non è necessario avere polielettrolita pronto in continuo ed è disponibile mano d’opera per le operazioni di carico dell’acqua e del prodotto in polvere. La serie CPA invece si colloca in tutti gli impianti soprattutto, negli impianti medi grossi in cui si ha consumo consistente di soluzioni di polielettrolita ed è necessario avere polielettrolita sempre disponibile, un prodotto ben maturato e diluito con precisione. A conferma dell’elevato standard qualitativo della Tecnoimpianti Engineering S.r.l. anche queste apparecchiature sono costruite con i migliori materiali anticorrosione e con tutte le parti metalliche realizzate in AISI 304.

Per quanto riguarda il sistema di dosaggio soluzione di polielettrolita, viene valutato di volta in volta a seconda dei casi la scelta del tipo di pompa o il sistema più idoneo.
La serie CPM comprende serbatoi cilindrici da 230-500-1000-1500 e 2000 lt. Con tank in polietilene la gamma è disponibile sino a 530 lt di capacità. Oltre, tutti i serbatoi sono costruiti in acciaio al carbonio verniciato o in alternativa in acciaio inox AISI304 in base alle esigenze del cliente ed alle caratteristiche dell’impianto. Sono inoltre disponibili impianti con doppio serbatoio per sistemi di chiarificazione medio-grossi che necessitano in continuazione della soluzione di polielettrolita
La serie CPA comprende serbatoi rettangolari da 1000-1500-3000-5500 lt, tutti costruiti in acciaio inox AISI304.
La logica di funzionamento, che è comune a tutti i modelli CPA, è la seguente: quando la soluzione di polielettrolita è sotto il livello prestabilito, si attivano le utenze per l’ingresso dell’acqua e del prodotto da diluire. Il flocculante in polvere, proveniente dal dosatore volumetrico, tramite la coclea a velocità variabile, raggiunge l’acqua pulita, dopo aver attraversato una serie di controlli (manometro, pressostato, elettrovalvola, ecc.)
La soluzione che si forma cade nella prima vasca di dosaggio, attraverso la parete a sifone si trasferisce nella vasca di maturazione/dosaggio. La soluzione viene mantenuta in movimento costante da un agitatori a basso numero di giri. Durante il trasferimento descritto la soluzione giunge a maturazione. Le sonde di livello nell’ultimo stadio vasca determinano il processo di automazione dell’impianto. A questo punto la pompa dosatrice preleva il flocculante e lo inietta in linea sulla tubazione di mandata del chiarificatore.



Gallery